Archivio notizie 2005-2011

Eventi e news dell'Istituto Tipologia: convegno


  • 4/11/2010, ore 13:00 - Salone di Palazzo Gotico, Piazzetta dei Mercanti, Piacenza

    Ragazzi. Italiani alla guerra del '15 - '18. Grande Guerra e identità nazionale nella "prima generazione" di italiani

    In apertura delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, l'ISREC di Piacenza organizza un convegno sull'identità nazionale della prima generazione di italiani. Intervengono: Daniele Ceschin, L'identità italiana, i giovani e la Grande Guerra; Eugenio Gazzola, Leggere l'Italia unita. Note sui libri di un anniversario; Eva Cecchinato, I volontari italiani nella Grande Guerra: garibaldini, studenti e irredenti.

  • 12/11/2009, ore 9:00 - Palazzo Galli, Sala dei depositanti, Via Mazzini 14, Piacenza

    Retrovia Piacenza, Il fronte interno della grande guerra

    Il convegno sarà strutturato in due parti: la prima riguarderà il tema della violenza e della memoria, la seconda si concentrerà invece sull'esperienza locale, su come la prima guerra mondiale sia stata vissuta nella città di Piacenza, cercando di metterne in luce le peculiarità e le caratteristiche

  • 31/10/2009, ore 9:30 - Auditorium Fondazione Piacenza e Vigevano, Via Sant'Eufemia, Piacenza

    L'impegno e lo studio. Giuseppe Berti storico della Resistenza

    Convegno in onore di Giuseppe Berti, primo Presidente dell'Isrec di Piacenza dalla sua costituzione nel 1975 fino alla morte nel 1979. A trent'anni dalla sua morte si celebra il suo contributo fondamentale nella storia della resistenza locale per la pubblicazione di due importanti volumi e per la donazione di un cospicuo fondo in cui ha raccolto, durante tutti gli anni della sua attività, materiale proveniente in special modo dall'Archivio centrale di stato, inerente l'attività resistenziale a Piacenza.

  • 9/5/2009, ore 10:00 - Auditorium Fondazione di Piacenza e Vigevano, Via Sant’Eufemia 12, Piacenza

    Le conseguenze del futurismo tra estetica e mitologia

    La Fondazione di Piacenza e Vigevano ha organizzato, in occasione del centenario del manifesto futurista di Marinetti, una giornata di studi che ha visto la partecipazione di numerosi studiosi. Questa la scaletta degli interventi: F. Achilli, Presidente ISREC, "La scena culturale e politica piacentina tra interventismo e origini del fascismo" A. D’Orsi, Università di Torino, "Il Futurismo tra Nazionalismo e Fascismo" R. Barilli, Università di Bologna, "Le due eredità del futurismo" L. Ballerini, UCLA Los Angeles, "Marinetti genio illusionista" G. Agnese, Quadriennale di Roma, "Il tempo di Boccioni, di Marinetti, di Mussolini" F. Chiarotto, Università di Torino, "Gramsci e il Futurismo" P. Fabbri, IUAV Venezia, "Libertà di parole: visibilità della lingua e sintassi dell’immagine"

  • 9/5/2009, ore 10:30 - Archivio di Stato di Piacenza, Piaqzza Cittadella, 29

    Storie di scuola. Dagli archivi delle scuole piacentine

    L’Archivio di Stato di Piacenza, in collaborazione con il Centro di Documentazione Educativa e con l’Istituto storico della resistenza, ha presentato la guida agli archivi scolastici, a cura delle due archiviste Paola Agostinelli e Barbara Spazzapan, e alcuni progetti realizzati dalle insegnanti di alcuni istituti piacentini.

  • 21/3/2009, Sala consiliare della Provincia, Via Garibaldi, 50

    Gli scioperi operai del 1943-1944 a Piacenza sotto occupazione nazista

    La CGIL di Piacenza, in collaborazione con l’ANPI di Piacenza e con l’Istituto nazionale della resistenza, organizza un incontro in occasione del 65^ anniversario degli scioperi del 1944 a Piacenza durante l’occupazione nazista. Intervengono: F. Achilli, Presidente ISREC di Piacenza, con una comunicazione dal titolo "Sindacato e condizione operaia sotto il fascismo"; R. Repetti "Le sollevazioni e lotte operaie del 1943/1944 in Italia e a Piacenza". Vengono poi le testimonianze di due operai dell’epoca: R. Cravedi "Lo sciopero alla Massarenti del 28 marzo 1944"; M. Cravedi, "Dal mondo del lavoro il contributo decisivo alla lotta partigiana piacentina contro il nazifascismo". Al termine degli interventi una delegazione si recherà al cimitero urbano di Piacenza per deporre una corona di fiori al muro dove Alfredo Borotti, organizzatore degli scioperi, e altri nove partigiani furono fucilati dai fascisti il 21 marzo 1945.

  • 13/3/2009, ore 18:00 - Aula L Politecnico - sede di Piacenza - Via Scalabrini 76, PC

    Il libro dei deportati

    Dedicato a Medina Barbattini, importantissima figura della resistenza e della deportazione piacentina al femminile, verrà presentato il Libro dei deportati, frutto di una ricerca diretta da Nicola Tranfaglia e Brunello Mantelli, curata da Giovanna D’Amico, Giovanni Villari e Francesco Cassata. Alla presentazione parteciperanno: - Giovanna D’Amico, Brunello Mantelli e Giovanni Villari: "Il libro dei deportati: la storiografia oltre la memoria e contro l’oblio". - Marco Minardi: "Resistenza e deportazione tra Parma e Piacenza". - Carla Antonini: "Da Piacenza al campo di concentramento di Rawensbruck: la storia di Medina".