Viaggio della Memoria 2018

Viaggio della memoria 2018: Piacenza-Trieste-Sarajevo
Un secolo di storia (1917-2017) al confine orientale d’Europa.
8 – 13 aprile 2018

Da Piacenza, a Trieste e a Sarajevo, questo viaggio propone un percorso attraverso la Storia di tutto il Novecento, accompagnando una riflessione che permetta di comprendere i caratteri e la consequenzialità storica oltre agli eventi periodizzanti che dalla I Guerra mondiale alla guerra nei Balcani di fine secolo, – passando per il II conflitto mondiale, l’occupazione nazista dell’Europa e l’affermazione del totalitarismo sovietico, fino alle divisioni della Guerra fredda e il risorgere dei nazionalismi dopo il 1989- hanno contribuito a definire la complessa e tragica identità europea.

Il percorso partirà da Trieste, il “confine orientale”, teatro di numerosi fondamentali passaggi storici inerenti la prima e la seconda guerra mondiale collegandosi in continuità, storica e geografica, con i Balcani. Il passaggio ad Est permetterà di riprendere il filo tracciato fino a quel momento, a partire dall’attentato a Francesco Ferdinando, considerato l’evento scatenante della prima Guerra mondiale, per poi affrontare la storia della ex Jugoslavia, dalla seconda guerra mondiale agli avvenimenti più recenti, che hanno sconvolto e ridisegnato questo territorio, ma non solo. Una storia di confini che ci porta a riflettere sui meccanismi di “costruzione” di identità ideologiche e nazionalistiche fisse ed escludenti, per poter ragionare su possibili antidoti culturali e sociali da contrapporre a questi processi.

Questo viaggio si propone di affrontare la Storia come una dialettica tra condizioni geopolitiche date e processi politici, in cui le azioni e le scelte, dei singoli come delle nazioni coinvolte, presentano una fondamentale connessione e consequenzialità e si determinano vicendevolmente.

L’obiettivo di cittadinanza è quello di interrogarci sugli usi della memoria in Europa e sulle narrazioni individuali e collettive che la storia lascia in eredità, e quindi sul ruolo che i cittadini e l’Europa possono avere nel promuovere comunità includenti, plurali e solidali.

Viaggiare insieme in luoghi così complessi anche a causa della storia recente prevede la necessità di costruire un gruppo coeso e capace di muoversi con la giusta attenzione nei luoghi che andrà a visitare.

I partecipanti al viaggio saranno pertanto coinvolti in un ciclo di incontri di formazione storica progettato e realizzato dall’Isrec, che li preparerà ad affrontare il percorso fornendo gli strumenti per conoscere, e per quanto possibile comprendere ed elaborare una personale visione sul presente.